Musica e Web: l’industria italiana è sempre più Digitale: scopri la nuova infografica!

Così recita il titolo scelto per introdurre e presentare un’accurata analisi del mercato discografico italiano.

Infatti è appena stata pubblicata l’infografica sul blog di Unicusano.it, disponibile al seguente link, un prezioso approfondimento che esprime e illustra i numeri del mercato discografico in italia.

Dai social network alle piattaforme di streaming musicale: i canali digitali contano sempre di più anche se molti italiani continuano ad amare concerti e vinili

Si parla in continuazione di industria musicale “in crisi” ma i numeri dicono tutt’altro. Se la vendita delle copie fisiche dei dischi sembra inesorabilmente destinata a tramontare ben diverso è il settore digitale che oggi copre il 60% del fatturato dell’intera industria, trainato da un uso sempre più diffuso dei servizi streaming.

I ricercatori della Facoltà di Economia Unicusano hanno raccolto e messo in relazione i dati dell’industria musicale del primo semestre 2018 per mettere in evidenza tendenze, informazioni e curiosità sullo stato del mercato musicale in Italia attraverso un’interessante infografica.

Sapevate che nei primi 6 mesi dell’anno i vinili hanno registrato un incremento delle vendite pari al +11%? Il musicista italiano con più followers su Instagram? Fedez ovviamente. Il video musicale con più visite di sempre su YouTube? Il Pulcino Pio batte tutti!

Non solo social network però: l’analisi ha coinvolto i dati FIMI registrati dalle vendite di singoli e album, con un’impennata della scena Trap capitanata in primis da Sfera Ebbasta. L’Italia si conferma una delle piazze più ambite a livello mondiale anche per quanto riguarda la musica live, posizionandosi al sesto posto: cresce il prezzo del biglietto, aumenta la popolarità dei DJ set anche se la musica pop-rock resta la più amata dal pubblico italiano.

L’infografica si chiude con uno sguardo alla musica “indipendente”, quella non legata alle cosiddette “major” ma alle etichette discografiche nazionali di più piccole dimensioni. Gli ultimi anni hanno visto lentamente sfumare i confini tra “Indie” e musica Pop, con i numeri della prima in netta crescita sotto ogni punto di vista: popolarità social, dischi venduti, biglietti dei concerti staccati. Dati supportati dagli esempi dell’etichetta indipendente “Bomba Dischi” e da artisti come Calcutta, Carl Brave e Coez che in pochissimo tempo hanno valicato i confini dell’indie music per affermarsi con forza sulla scena nazionale.

Scopri queste e altre curiosità nell’infografica Unicusano qui sotto!

Industria-Musicale-infografica-completa

Infografica a cura dell’Università Niccolò Cusano

Top