Nato dal lavoro di ricerca dei suoni di PLASTICA e mixato dall’esperienza di Emanuele Mattozzi (mix e master per Marracash, Rkomi, Ernia, Tommy Dali, Testacoda e molti altri), LAVA è il manifesto del nuovo percorso intrapreso dalla producer, che culminerà a maggio, con la pubblicazione del suo primo ep ufficiale. Il titolo fa riferimento all’energia, al magma che alimenta la terra. Il significante, venendo associato all’etichetta di un detersivo, assume allo stesso tempo un significato diverso. LAVA è quindi un gioco di associazioni che confonde, dove, come spesso accade, il contenuto non rispecchia il contenitore ed elementi diversi si incontrano per costruire un unicum. Il sound del brano è ballabile e primaverile, mentre il tappeto sonoro consente all’ascoltatore di viaggiare tra l’Italia e il mondo. Il brano contiene infatti campioni catturati nella metro di Milano, richiamando in parallelo molte influenze elettroniche internazionali (tra le quali Polo&Pan, Cosmo’s Midnight, Sofi Tukker).

CREDITI
Cover Artwork: Marta Pianta, Matteo Bresaola
Mix e Master: Emanuele Mattozzi
Foto: Leopoldo Ferrari

BIO 

Matilde Ferrari aka PLASTICA (classe 1996) è una producer, polistrumentista e dj, veronese di nascita e milanese d’adozione. Inizia il suo percorso nella musica come tastierista, ma si appassiona presto alla produzione musicale, arrivando ad occuparsi di sync sound design per brand come Kappa, Swarovsky e Vogue. Il suo talento nella produzione la porta ad essere nominata finalista allo Jäger Music Lab 2019 di Berlino, uno dei più rilevanti contest e showcase di musica elettronica. PLASTICA ha collaborato negli ultimi anni con artisti quali Inoki Ness, Arashi e Marianne Mirage. Al momento è resident dj per Linoleum presso il Rocket Club di Milano, uno dei più importanti punti di ritrovo della scena musicale lombarda e nazionale.

https://www.instagram.com/plastica.zip/

Top