SEXTO ‘NPLUGGED, IL 7 AGOSTO RHYE IN ESCLUSIVA NAZIONALE

Sul palco di Sesto al Reghena il raffinato progetto dell’artista canadese fresco di album. Dopo il successo di “Woman”, arrivano le note sensuali ed eleganti di “Blood” a sedurre il pubblico del borgo più sperimentale d’Italia. Aprono il concerto i Pick a Piper

Sexto ‘Nplugged, la rassegna musicale a Sesto al Reghena, nel friulano, conclude il cartellone artistico della stagione con un’altra esclusiva nazionale: dopo quella affollatissima degli Interpol, il 7 agosto plana nel borgo più sperimentale d’Italia il progetto artistico del cantante canadese Michael Milosh, noto come RHYE.

A cinque anni dall’acclamato album d’esordio “Woman” (2013), il cui primo singolo “Open” ha registrato oltre 49 milioni di stream su Spotify e “The Fall” superato i 28 milioni, con sold out nei teatri e locali di tutto il mondo e partecipazioni a festival come Coachella e Pitchfork Music Festival, i Rhye tornano ad impressionare critica e pubblico. Si chiama “Blood” ed è la nuova perla discografica fresca di pubblicazione (2 febbraio 2018, Loma Vista Recordings) che così commenta il frontman Milosh: “La musica e i suoni sono nati durante i live e sono stati costruiti appositamente per le performance live. Ci vuole molto coraggio per essere vulnerabili di fronte al pubblico notte dopo notte. Ho usato lo stesso coraggio per ogni canzone di questo disco”.

Dopo l’abbandono della band da parte del producer Robin Hannibal, l’artista canadese si è trovato ad affrontare tour e scrittura del nuovo album completamente da solo. Una nuova esperienza musicale, questo è quindi ora RHYE. Un mosaico composto di tasti di pianoforte, percussioni, synth analogici e un’elevata estensione vocale che trova la sua umanità nella musicalità.

Ad aprire il concerto di Milosh sarà la band Pick a Piper, grazie alla preziosa collaborazione con Scena Sonica. Il gruppo nasce da uno dei membri della super-band che accompagna dal vivo e in studio Caribou aka Dan Snaith, uno dei nomi elettronici internazionali più apprezzati e ballati dell’ultimo decennio. Dietro al progetto c’è infatti il prodigioso producer e percussionista canadese Brad Weber. Storico collaboratore e scatenato batterista sul palco con la band di Dan Snaith, anche lui canadese di Toronto, ha cercato ispirazione per il suo primo album solista tra Nord del Canada, Chernobyl, Guatemala, Giappone e Sud America. Il risultato della loro musica è un esaltante viaggio tra dance contemporanea, new cumbia, afrobeat rivisitato, funk turco e digressioni molto Caribou. Con lui sul palco gli amici di lunga data Angus Fraser e Dan Roberts, navigati esponenti della scena musicale della città canadese.

“Una data che lascerà il segno – commentano gli organizzatori di Sexto ‘Nplugged – per la raffinatezza e lo spessore di questo artista eccezionale. La nostra forza e il nostro orgoglio è portare a Sesto al Reghena quelle realtà contemporanee che si distinguono per ricercatezza e sperimentazione.”.