SECRET BOOK - Fabrizio Paterlini | recensione
Giudizio complessivo: Eccellente
Apprezzamento95%
95%score

Fabrizio Paterlini

Secret Book

2017 (Memory Recordings -Believe) | neo-classical

Fabrizio Paterlini dopo la pubblicazione di “Live in Bratislava”, e precedentemente con il fortunato album di inediti per piano solo “The Art of the Piano” (2014) torna dopo tre anni con un nuovo attesissimo album di inediti: “Secret Book”.

Un lavoro attento, importante, una produzione di alto livello senza badare ai costi ma rimanendo entro quei confini di “intimità” che lo hanno caratterizzato e reso amato da molti.
Un disco da possedere assolutamente che ci ha sorpreso piacevolmente, andiamo ad analizzarlo.

Contrariamente dal precedente lavoro di inediti “The Art of the Piano” (8 tracce di piano solo), Paterlini stavolta in “Secret Book” (14 tracce) opta per soluzioni diverse; brani di piano solo affidate a un magnifico Yamaha C7 si alternano ad altri arricchiti con tessiture di elettronica ed ensamble d’archi. Un album eterogeneo quindi, dove l’abilità di Fabrizio Paterlini nel cercare nuove strade come personale cammino evolutivo riesce da un lato a descrivere sapientemente con il dono della sintesi di cui è dotato, complessi scenari musicali, senza ripetersi e dall’altro, al contempo, mantenendo quella riconoscibilità senza deludere le aspettative nell’ascoltatore.

Per questo disco Fabrizio Paterlini si è avvalso della collaborazione di professionisti di prim’ordine; il risultato nel disco si percepisce chiaramente, apprezzando l’estrema bellezza della qualità del suono, delle dinamiche preservate, dei dettagli curati con spasmodica ricerca espressiva. Scelte precise, oculate messe in atto con la collaborazione dell’ingegnere del suono Carlo Cantini, conferiscono un plus a tutta la produzione artistica.

Dopo una lunga pre-produzione (diversi mesi) nel suo home studio; i brano sono una cernita di un più ampio lavoro compositivo che lo ha visto impegnato in momenti diversi, per circa due anni, Fabrizio Paterlini ha registrato, mixato e masterizzato l’album lo scorso gennaio al Digitube Studio di Carlo Cantini.

Tutta la produzione ha un marcato respiro intenazionale, la pubblicazione e distribuzione di “Secret Book” è affidata a Memory Recordings, l’etichetta fondata da Fabrizio Paterlini per dare voce al movimento neo-classico italiano (e non solo) e affiancata a Believe. Il disco, è disponibile in formato digitale e fisico (CD e vinile).

Dicevamo brani di piano solo come “While everything burns” nel quale un raffinato lirismo minimalista descrive una sottile malinconia mai triste, ma aperta in divenire. Oppure brani come “Before the storm” un ripetersi incessante di piccoli fraseggi come un presagio di una immenente tempesta di emozioni. Altri più riflessivi, sospesi, leggeri come “Walk in Bern” e “Leave” nei quali non è descritta una meta ma semplicemente l’abbandono al destino con cadenze e suoni che evocano spazi non definiti. Brani che sembrano non rivelarsi completamente quasi come a mantenere celato il proprio segreto, come del resto il titolo del disco ci fa presente.

I restanti brani eccetto “Movie Theme” dal carattere evidentemente cinematografico, nel quale un violoncello si rivela e dialoga con il piano con una voce fioca ma profonda, mentre il piano stesso descrive una scena di soffi vitali in un susseguirsi di arpeggi, dicevamo i restanti brani: da “Narrow is the way” a “Space walk”, “One world, at last”, “Kepler” e gli altri rimanenti, sono arricchiti con importanti e preziose tessiture di ensamble d’archi (violino Giacomo Catana, viola Jessica Orlandi, violoncello Silvia Dal Paos) e parti di elettronica affidate a Synth analogici. Parti importanti curate nei minimi dettagli ma non tali da sottrarre la scena al piano, strumento principe di Fabrizio Paterlini e fulcro di tutto l’album.

In questo disco il grado di sorpresa è notevole, l’evidente impressione di un qualcosa di ricercato di non scontato, di attento e raffinato con quel sapiente gusto nel saper costruire e descrivere immagini musicali, le quali trovano nell’ascoltatore il giusto tasso di apprezzamento, fanno di questo disco una perla di siffatta bellezza.

 

Tracklist

  1. Movie Theme
  2. Narrow is the way
  3. While everything burns
  4. Space walk
  5. Sharp
  6. You, again
  7. Before the storm
  8. One world, at last
  9. IF
  10. First Day
  11. Kepler
  12. Leave
  13. Walk in Bern
  14. Fab’s Psychedelic Dinner

 

Il sito ufficiale di Fabrizio Paterlini

Link diretto per l’acquisto del disco clicca qui.