Elements - Ludovico Einaudi | recensione
Giudizio complessivo: Ottimo
Apprezzamento95%
95%score

2015 | modern classical

Il nuovo album “Elements” di Ludovico Einaudi possiamo da subito dire che sia un lavoro pienamente riuscito. Seppur restando nei confini del minimalismo, dell’essenzialità, in questo lavoro il compositore torinese dà ampio spazio a sperimentazioni e contaminazioni fra elementi compositivi di estrema sintesi e semplicità ma al tempo stesso regalando tessiture sonore mai scontate e banali. Una continua ricerca tra gli elementi del mondo interiore e frammenti di quello esteriore come a voler scomporre per risalire alla radice, al pensiero iniziale dell’evoluzione dell’uomo.

Il disco è stato registrato tra marzo e giugno 2015 (mesi nei quali evidentemente il compositore ha tratto beneficio dalla natura in trasformazione dopo il risveglio per un nuovo ciclo vitale), nella tranquillità delle Langhe, dove il compositore possiede un casale all’interno del quale ha realizzato uno studio di registrazione con tanto di piano Steinway D model (il gran coda). A differenza dei lavori precedenti sembra esserci una dimensione ancora più personale, una maggiore cura nei dettagli esecutivi, una lavorazione meno frenetica, forse dettata da tempi evidentemente più dilatati rispetto a quelli strettissimi di un qualsiasi studio di registrazione professionale che operi in conto terzi.

In alcuni brani il compositore si è avvalso del prestigioso supporto dell’ensemble d’archi Amsterdam Sinfonietta, la quale ha dato particolare evocazione alle fioriture scritte dal compositore. Nuovamente presente anche il violinsta Daniel Hope con il suo prezioso strumento (un Guarneri) apprezzato già nel precedente album “In a Time Lapse”, regala sfumature ricche di spessore musicale, pennellate emotive che ben conciliano con lo stile compositivo di Einaudi.

Con l’album “Elements” Ludovico Einaudi ci sembra abbia raggiunto la piena maturità artistica. Un album pienamente riuscito.

 

Tracklist

  1. Petricor (con Daniel Hope)
  2. Night (con Amsterdam Sinfonietta)
  3. Drop (con Mauro Refosco)
  4. Four Dimensions (con Amsterdam Sinfonietta)
  5. Elements (con Amsterdam Sinfonietta)
  6. Whirling Winds (con Amsterdam Sinfonietta)
  7. Twice (con Mauro Refosco)
  8. ABC
  9. Numbers (con Mauro Refosco)
  10. Mountain
  11. Logos (con Amsterdam Sinfonietta e Mauro Refosco)
  12. Song for Gavin
  13. Drop Variation
  14. Elements Variation
  15. Twice Variation

Il sito ufficiale di Ludovico Einaudi

La pagina ufficiale di Ludovico Einaudi su facebook